Perché le Cicladi ed il Dodecaneso

Perché le Cicladi ed il Dodecaneso

Dopo anni di Sardegna, Corsica, Arcipelago Toscano, Sicilia, Eolie, Baleari, Canarie e Caraibi d’inverno, ho scelto queste isole della Grecia. Certo, tutte meriterebbero di essere esplorate in lungo ed in largo. Ma per una programmazione settimanale cercavo una meta che si conciliasse con la mia community. Quindi imbarchi facili da raggiungere e che non imponessero troppi cambi tra volo e traghetto. Ed è così che insieme al mio prezioso staff, abbiamo pianificato di navigare nelle Cicladi fino alla fine di giugno per spostarci poi in alta stagione nell’arcipelago del Dodecaneso. Le Cicladi infatti nei mesi di luglio ed agosto presentano molte incognite che non vanno d’accordo con la nostra idea di vacanza. Tutto diventa complicato, dal posto in banchina, al rifornimento dell’ acqua o del carburante. Le barche sono tante e gli approdi pochi, come poche anche le baie protette dal vento.  Perché inesorabile soffia il famoso Meltemi. Nel Dodecaneso  anche la più forte sventolata non ha mai compromesso la vacanza. Qui le baie sono protette, gli approdi meno congestionati e le mete di interesse culturale facilmente accessibili. Il grande patrimonio naturalistico fa da cornice ad un mare incontaminato, che circonda queste isole che amo definire ciascuna uno scrigno a sé.

giorgio cicladi

Commenta il nostro articolo con Facebook!
By | 2017-07-18T16:55:04+00:00 10 03, 2017|